Sulle tracce di Federico II di Svevia
Castel del Monte

Federico II  arrivo in Pulglia nel 1221 a soli 27 anni e ne fce il cuore del suo regno, affascinato dai paesaggi del Tavoliere ma valutando soprattuttol'importanza strategica xdi un territorio cerniera tra l'Occidente e l'Oriente, nei pressi delle strade che portavano al Nord Italia e alla Germania, dove tornava spesse per sedare intrigi e rivolte. SImboli di una complessa  organizzazione statale, unica per quei tempi, sono soprattutto gli imponenti manire , a partie dal massiccio Castello Svevo di Trani scandito da mure angolare e cosi espsoto alla furia del mareda richiedere un'ingegnosa soluzione per regolare il lvello dellìacqua nel fossato, I suoi saloni ospitarono i l matrimonio di Manfredi figlio di Federico II. Di fronte al Castello si staglia la sagoma di un capolavoro romanico, La Cattedrale di San Nicola Pellegrino, simbolo dell'importanza strategica e commerciale di Trani in epoca sveva. La sinagoga Scolanova testimonia , l'antica presenza della piu grande comunita ebraica dell'Italia meridionale, che da Federico II ottenne il moniopolio del commercio ddella seta grezza e della tintoria.
.
Lungo la costa sud di Trani si stagliano le tre torri e la Cappella di San giovanni sono cio che resta del Castello di Bisceglie, comunque valorizzato da recenti restauri, come già accaduto nei primi anni duemila alla romanica Concattedrale di San Pietro Apostolo, dal meraviglioso portale. Proseguendo si giugne a Barletta, resa famosa dalla disfida, qui Federico trasformo' una fortezza normanna in sfarzosa Domus, dove il Museo Civico, conserva l'unico busto dell'imperatore ancora intatto. Il legame con le crociate riemerge nella Basilica del Santo Sepolcro

Cose da vedere

  • Bisceglie
  • Barletta
  • Gioia del Colle
  • Castel del Monte

Questo sito web utilizza i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione su questo sito web, accetti l'utilizzo dei cookie.Informativa Estesa